Millennial e alcol: il “bevi con moderazione” è cool

Se in passato giovinezza era quasi sempre sinonimo di sregolatezza, con i millennial (i ragazzi che oggi hanno tra i 21 e i 35 anni) qualcosa sta cambiando.
E' una ricerca internazionale commissionata dal noto marchio di birra Heineken a rivelarlo: i giovani di oggi non solo bevono meno rispetto a quelli delle generazioni precedenti, ma addirittura il consumo moderato di alcol sta diventando una scelta attiva e di tendenza per una generazione consapevole che fa del personal branding una ragion d'essere.
 
Il 75% dei millenial dichiara di limitare il consumo di alcol durante la maggior parte delle serate che passa fuori casa, il 38% lo fa sempre.
Consapevolezza e capacità di controllo sono i fattori alla base di una scelta di consumo maggiormente responsabile, complice la diffusione dei social network e la conseguente necessità di curare la propria immagine e controllare la propria web reputation.
Leggermente diversa è la posizione dei giovani italiani che bevono con moderazione per non stare male (53%), per non perdere il controllo (44%), ma anche per non incorrere in sanzioni amministrative (47%). Consapevoli dei rischi (per sé e per gli altri), ben il 92% dei giovani dichiara di non mettersi alla guida se si rende conto di aver superato i limiti e questo rappresenta un’eccellenza e una specificità della società italiana.
Dall'indagine inoltre emerge che la qualità batte la quantità e che il prezzo è importante solo per un intervistato su 5.
Insomma, bere poco e bene è la regola per essere cool.