Trofeo Cuochi romagnoli 2013, ecco i vincitori

Proclamati i vincitori della terza edizione del trofeo Cuochi romagnoli, l’ esposizione culinaria per la provincia di Rimini organizzata da Associazione Cuochi Romagnoli con il patrocinio del Comune di Montescudo e della Provincia di Rimini. L’edizione 2013 si è svolta presso le cucine dell’IPSSAR S.Savioli di Riccione e ha visto sfidarsi gli chef nelle categorie senior (over 23) e junior (under 23) per assegnare il titolo di campione provinciale 2013 e il diritto di rappresentare la provincia di Rimini nella finale regionale di cucina calda.

Entrambe le categorie dovevano presentare un piatto caldo a base della famosa Patata di Montescudo, prodotto di eccellenza del territorio romagnolo. Tutti i piatti sono stati giudicati da una giuria di esperti chef della riviera e rappresentanti delle istituzioni pubbliche e del mondo del giornalismo. Il vincitore della categoria Junior è il giovanissimo Alessandro Zanotti dell’IPSSAR “Malatesta” di Rimini con il piatto “brodetto romagnolo in crema tiepida di patate di Montescudo” con 97 punti sui 100 disponibili; al 2° posto si è piazzato Jacopo Ticchi, studente di IPSSAR “S.Savioli” Riccione con il suo “ Patate e….coniglio” totalizzando 88 punti. In terza posizione un altro studente dell’istituto riccionese, la giovane chef Fu Xiao con “Gocce di patate e raviolo italocinese” realizzando 87 punti.

Nella categoria senior ha trionfato lo chef Fulvio Politi con la “vellutata di patate di Montescudo, straccetti di seppia, squaquerone al profumo di terra e mare in germoglio di porro” realizzando 89 punti su 100; al 2° posto lo chef Girolamo Marotta con un piatto senza glutine, il “cappuccino di patate, seppia e bottarga con biscotti al sangiovese, crudo di Carpegna e pecorino di fossa” totalizzando 86 punti, al 3° posto si piazza lo chef Gabriele Pompili con i “piccoli krapfen di patate ripieni di savor, chips di patate candite allo zafferano e ristretto di vino cagnina” ed i suoi 81 punti. Mentre il premio speciale della critica è andato alla chef Ilaria Aratari e al suo “ChocoPatata”.

Al termine della manifestazione è stato offerto a tutto il pubblico un buffet dolce e salato interamente a base del famoso tubero, realizzato dagli studenti dell’IPPSAR Savioli diretti da due grandi chef dell’Associazione Cuochi Romagnoli come Luigi Sica e Cristina Lunardini. L’Associazione Cuochi Romagnoli ringrazia di cuore tutti i partecipanti, la giuria, le istituzioni ed i giornali che hanno reso possibile il grande successo della manifestazione.