Alla Torre di Oriolo poesia e cucina

Faenza - Sulle verdi colline intorno alla Torre di Oriolo dei Fichi va in scena “A Montepiano estate fra Poesia e Cucina”. L’arte in cucina e la poesia: due declinazioni diverse della ricchezza culturale del nostro Paese, mille suggestioni che ogni luogo ispira. Protagonisti la cucina di Biancarosa e le parole di Nino Tini, in collaborazione con Giorgia Lagosti. Nel corso di ogni cena, fra una portata e l’altra, dialogo tra gli ospiti, con Giorgia che ripercorrerà la storia dei prodotti, mentre Nino racconterà i ricordi della sua vita vissuta leggendo versi. Si parte sabato 7 Luglio 2012 con “Lo Scalogno Igp di Romagna, la Mora Romagnola e l’arcaico Rito della Griglia”. Sabato 18 Agosto 2012 “Le Carni dell’Aia e le Erbe Aromatiche”, in settembre “La Vendemmia: l’Uva nei Piatti e nei Calici”.
Ogni serata avrà inizio alle ore 19.30, per un affascinante aperitivo nell’ora del tramonto in compagnia del "Bianco Oriolo". Si passeggerà in mezzo alle piante della vigna che guarda la Chiesa di San Biagio Vecchio da un lato e l’antica Torre di Oriolo dall’altro. Sulle tavole, ogni portata sarà accompagnata dal “Rosso Oriolo”, un profumatissimo vino ottenuto da Sangiovese, Merlot e Cabernet Sauvignon, realizzato personalmente da Nino Tini.

Info: Azienda Agricola Montepiano di Nino e MatteoTini Oriolo dei Fichi, Faenza (Ravenna). Tel. 0546 642075. Costo 30 euro.