Tipicità e tanta enogastronomia a “Sono Romagnolo”

Fervono i preparativi per il primo Torneo del Mondo di Maraffone a Sono Romagnolo, la fiera dell’identità romagnola in programma da venerdì 26 a domenica 28 febbraio. Ad oggi le coppie iscritte sono già oltre 200 (le iscrizioni terminano giovedì 25 alle 24.00). Tradizione vuole che questo intrattenimento abbia i suoi natali tra Forlì, Cesena, San Pietro in Vincoli, Russi e Faenza, per poi superare i confini regionali grazie ai turisti che se ne innamoravano d’estate e, a vacanze finite, lo riproponevano nelle proprie città d’origine. A causa di una diffusione orale del gioco, sono arrivate ai giorni nostri tante piccole varianti, che compaiono non solo da città a città, ma anche da centro a periferia, e addirittura da bar a bar. A ‘Sono Romagnolo’, a suon di “busso, striscio e volo” (le tre parole chiave del gioco, che stanno rispettivamente a significare “voglio la migliore, ne ho ancora, non ne ho più”) si giocherà un torneo destinato ad entrare nella storia e nel cuore di questa terra. La coppia vincitrice potrà approfittare del primo premio, un viaggio offerto da Arcadia Viaggi, mentre gli altri classificati (dal 2° al 16°) potranno usufruire dei premi offerti da Tippest.
Per iscriversi al torneo, basta rivolgersi all’agenzia MediaConsulting di Cesena (viale Bovio 100, tel. 0547 21349) oppure si può versare la quota di partecipazione (5 Euro a persona) tramite il portale Tippest.it, seguendo le indicazioni del sito Sonoromagnolo.it alla voce ‘Torneo di Maraffone’, disponibile alla categoria ‘Eventi’. Le iscrizioni vanno effettuate per coppia e la partita si giocherà venerdì 26 febbraio alle ore 20,00 presso il polo fieristico di Cesena-Pievesestina (via Dismano n. 3845).
Ma non sfiduciatevi se non sapete giocare a Maraffone perchè a Sono Romagnolo - la novità del cartellone di Cesena Fiera proposta in partnership da Media Consulting - si possono trovare tante altre intriganti proposte.
 
Prima fra tutte, quella della ricca e variegata enogastronomia locale.
Nell’Area Ristorazione, si possono degustare i piatti tipici proposti durante le feste, con un ricco menù che spazia dai prodotti del mare a quelli dell’entroterra. Nel rispetto delle tradizioni, a cucinare le eccellenze del territorio saranno diverse associazioni locali: U.S. Volania, Pro Loco di Montiano, Pro Loco di Sant’Agata Feltria, Pescatori a Casa Vostra, Pianeta Piada, Associazione di quartiere Vecchiazzano-Massa-Ladino, Comitato Feste e Sagre, Centrale del Latte di Cesena e Forno di Sarsina. A ‘Sono Romagnolo’, all’interno del ‘Settore Produttori’ ci sarà spazio anche per i prodotti tipici, come quelli proposti dal consorzio Romagna nel cuore, con oltre 100 stand che propongono quanto di meglio può offrire il territorio dal mare alla montagna, passando per una solida tradizione casearia (come il formaggio maturato in fossa), di salumi locali, olio e prodotti di aziende agricole.
 
Ma che cosa sarebbero questi piatti se non fossero abbinati ad un buon bicchiere di vino?
Per celebrare i vini della Romagna, in collaborazione con la Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena all’interno della manifestazione è stato organizzato l’evento Vini in Festa, con una selezione dei migliori nettari di Bacco di oltre 40 cantine provenienti da tutta la Romagna, per un totale di circa 120 etichette. In degustazione ci saranno Sangiovese, Albana, Pagadebit, Trebbiano, Sauvignon Rosso e tanti altri vini in cui eccelle la Romagna. La nostra terra è infatti zona di gloriosa tradizione vitivinicola grazie alla posizione favorevole del territorio esteso tra Appennino e pianura. Dopo anni di lavoro e sviluppo, oggi il made in Romagna è apprezzato in tutta Italia ma anche all’estero. E non esiste miglior modo di conoscere queste eccellenze se non degustandole, magari davanti a un buon piatto di pasta come quelli proposti dall’Area Ristorazione o semplicemente passeggiando tra gli stand della fiera.
 
Per chi al vino preferisce la birra, a ‘Sono Romagnolo’ può trovare le “bionde” del Romagna Beer Fest, evento nell’evento organizzato da 2drink con l’allestimento del più grande pub al coperto mai realizzato in Romagna. Qui si potranno degustare 41 etichette di birre artigianali, per la maggior parte “made in Romagna”, oltre ai gusti più innovativi, come la birra all’acqua termale e alcune eccellenze da oltre confine. Sarà una manifestazione dedicata alla birra artigianale, quella prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e microfiltrazione. Romagna Beer Fest vuole rappresentare tutto il mondo brassicolo regionale e avvicinare il pubblico alla cultura della birra di qualità, che negli ultimi dieci anni ha conoscuito un fiorente sviluppo con oltre 1000 microbirrifici disseminati su tutto il territorio nazionale. Oggi sono sempre di più i giovani temerari che si lanciano nell’avventura della produzione di questa bevanda e la birra sta tornando ad essere unica per sapore e aroma, genuina e priva di conservanti e agenti chimici, perfetta per andare incontro ai gusti sempre più raffinati dei consumatori.
 
Ad arricchire il tutto un ampio programma di conferenze, spettacoli per grandi e bambini, corsi di cucina, giochi e tanto divertimento in puro stile romagnolo.
 
 
Info:
“Sono Romagnolo – Prima Fiera Nazionale dell’Identità Romagnola”
Cesena Fiera, 26-27-28 febbraio 2016
Orario: 26 febbraio 17.00-23.00; 27 e 28 febbraio 10.00-23.00
Ingresso: tutti gli eventi in programma durante in giorni della fiera sono ad accesso gratuito, ad eccezione della partecipazione al torneo di Maraffone
www.sonoromagnolo.it
Facebook: Sono-Romagnolo
Tel. 0547 21349