Stefano Corghi trionfa a "Dire, Fare, Sognare"

Tutte le strade di Stefano Corghi passano da Cesena: qui è nato (anno 1970), qui lunedì 6 giugno riceverà il riconoscimento “Dire Fare Sognare”, assegnato ai protagonisti della cultura del cibo e del vino dell’Emilia Romagna. Unico modenese premiato, il cuoco del locale “Il luppolo e l’uva” è stato scelto da tre tra le più illustri firme della critica enogastronomica nazionale: Andrea Grignaffini (critico enogastronomico), Elsa Mazzolini (giornalista enogastronomica) eAlessandra Meldolesi (giornalista gastronomica).
Promosso da Partesa, l’evento è giunto alla quinta edizione, tributato ai principali “attori” della scena enogastronomica dell’Emilia Romagna. La giornata di premiazione si svolgerà alle 10,30 al Teatro Verdi a Cesena.
 
Nelle passate edizioni del modenese erano stati premiati Giuseppe Palmieri Osteria Francescana, Luca Marchini L’Erba del Re, Carlo Alberto Borsarini Lumira a Castelfranco Emilia, Antonio ed Elvira Previdi Osteria Entrà di Finale Emilia, Marta Pulini Franceschetta di Modena; Antonia Alice Meschi e Marco Ferrari Bortolini Osteria dei Sognatori di Modena; Paolo Reggiani Ristorante Laghi di Campogalliano.
 
Chi è Stefano Corghi
Chef e patron del Ristorante Il Luppolo e l'Uva, nasce a Cesena il 13 gennaio del 1970, con la passione del buon cibo e del buon bere. Alla fine degli anni '80 termina con successo la scuola alberghiera e inizia la gavetta in importanti locali modenesi cui fanno seguito alcune stagioni in località di villeggiatura sulla Riviera. In parallelo viaggia in Italia e all’estero per “studiare” nelle più significative cantine, fattorie e birrerie. Nel ’96 l’apertura del suo primo locale, l’Old Distillery a Castelfranco Emilia, un pub inglese dove può sfogare le sue grandi passioni, le birre artigianali, i vini naturali, gli champagne, e i grandi distillati, mettendo a disposizione dei clienti la sua passione. Poi nel 2011 con un carico di esperienza ed emozioni si trasferisce a Modena e apre Il Luppolo e l’Uva, un locale dove la sua cucina "contemporanea ed istintiva” incontra e si fonde con una scelta vasta e personale di vini pregiati da tutta Europa e birre da tutto il mondo.
 
Lunedì 6 giugno la premiazione a Cesena
Due i momenti della giornata di lunedì 6 giugno a Cesena: il riconoscimento a un operatore scelto tra ristoratori, baristi, enotecari e torrefattori in tutte le province dell’Emilia Romagna; il riconoscimento a cinque personaggi che con modalità diverse si sono distinti nella promozione della cultura enogastronomica della nostra regione.

Il riconoscimento “Dire Fare Sognare” è sostenuto da Partesa, progetto distributivo di qualità e punto di incontro tra chi il vino lo produce e chi lo fa bere. Nata nel 1998, oggi è evoluta in un progetto culturale rivolto ai protagonisti del panorama enogastronomico dell’Emilia Romagna.