Il Premio Artusi 2011 a Oscar Farinetti

Forlimpopoli - Nell’anno delle due ricorrenze (150 unità d’Italia e Centenario artusiano), si è cercato, in nome di Pellegrino Artusi, padre del risorgimento gastronomico italiano, un omaggio più strettamente collegato al cibo, ovvero alla diffusione dei prodotti italiani, in sintonia non solo con il bello&buono, ma anche il “giusto”. Non discontinuità con i Premi precedenti, ma, in virtù di valori riconosciuti, un impegno concreto, diretto, nella promozione e diffusione della produzione italiana.
“Usate roba della più fina, chè vi farà ben figurare” esorta Artusi e, di fronte al cibo più “falsificato al mondo” , ecco “Un mercante di utopie
”.
Solo che nel caso del personaggio in questione l’utopia si è fatta realtà, e al business ha saputo applicare un sistema di valori. È Oscar Farinetti, vincitore del Premio Artusi 2011, assegnato ogni anno dal Comune di Forlimpopoli (FC), città natale di Pellegrino Artusi, a chi contribuisce con il pensiero e la sua azione alla riflessione su cibo e dintorni. Impegno concreto e reale per la diffusione  del “made in Italy” nel mondo.
È ciò che ha fatto con Eataly, il primo supermercato al mondo dedicato interamente ai cibi di alta qualità. Aperto a Torino nel gennaio del 2007, nella fabbrica del vermouth Carpano rimessa a nuovo dopo anni di abbandono (11mila metri quadrati su tre piani), col passare dei mesi e degli anni ha visto crescere l’idea (o l’utopia?) di una proposta che ha saputo andare al di là del solo aspetto commerciale e industriale. Il risultato sono la nascita di altri punti vendita sparsi nel mondo , testimonianza non solo della vitalità del “made in Italy”, ma anche della qualità del progetto.
Così come avvenuto nelle edizioni degli ultimi anni, il Premio Artusi
sarà consegnato nel prossimo mese di ottobre (sabato 8 ottobre, ore 16.30 in Casa Artusi ) e non più in occasione della Festa Artusiana (18-26 giugno 2011) a Forlimpopoli.



pubblicato il 24.05.2011