Piadina Romagnola IGP protagonista a New York

C'è chi, come Samuele Bersani, il sogno di esportare la Piadina Romagnola lo ha solo cantato, e chi, come il Consorzio di Tutela e Promozione della Piadina Romagnola Igp ha fatto davvero volare il pane dei romagnoli in America.
Settimana da ascrivere negli annali della storia per la Piadina protagonista a New York nella Settimana della Cucina Italiana nel mondo. Incontri con la stampa internazionale, degustazioni guidate, presentazioni in abbinamento ad altri prodotti tipici dell’Emilia Romagna sono stati gli ingredienti di cinque giorni da incorniciare, ospitati a Eataly Dowtown e Eataly Flatiron.

Numerose le personalità intervenute,trustytimewatches.net in primis João Vale de Almeida Ambasciatore dell'Unione Europea presso l'Onu, invitato direttamente dal Consorzio di Promozione e Tutela della Piadina Romagnola, che ha apprezzato la Piadina Romagnola IGP. Presenti anche il cuoco numero uno al mondo Massimo Bottura, l'europarlamentare Paolo De Castro, il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, l’Assessore regionale Simona Caselli, il sindaco di Bologna Virginio Merola, il fondatore di Eataly Oscar Farinetti, il Presidente di Fico Foundation Andrea Segrè, la giornalista internazionale Francine Segan e tante altre personalità. Per il Consorzio di Promozione Tutela della Piadina Romagnola il Presidente Elio Simoni e il direttore Paolo Migani.

“La Food Valley dell’Emilia Romagna si è presentata in un contesto internazionale e la Piadina Romagnola IGP è stata tra i prodotti protagonisti – spiega il Presidente Simoni – Una grande vetrina mondiale per un prodotto che affonda le sue radici nel territorio laddove è nato, la Romagna. E proprio in questo mix glocal, locale e globale, c’è il futuro della Piadina: fedeltà al territorio e alla sua storia, capacità di allargare lo sguardo verso mercati più ampi”.

La prossima tappa è prevista per il mese di dicembre con la convocazione degli Stati Generali della Piadina Romagnola.