Palio del Sangiovese: vince Goccione di Roberto Lucarelli

Borgo Maggiore (San Marino) – Il Miglior Sangiovese arriva da Cartoceto (Pesaro-Urbino): è il ‘Goccione’ dell’azienda agricola di Roberto Lucarelli. È questo l’esito della seconda edizione del Palio del Sangiovese che ha messo a confronto una trentina di etichette da Romagna, Marche e Toscana, passate al vaglio degustativo di una doppia giuria (tecnica e popolare) nella tre giorni della manifestazione. Oltre al premio assoluto, due le sezioni del Palio: il Sangiovese della annate 2011-2012 (passato in botte) e quello delle annate 2013-2014 (fermo rosso).
 
E per quanto riguarda gli altri riconoscimenti, la giuria tecnica nella categoria riserve ha premiato ancora il ‘Goccione’ di Lucarelli, mentre nella categoria annate 2013-2014 (fermo rosso) primo posto al Sangiovese Superiore del Consorzio Vini Tipici di San Marino.
Diverso invece il giudizio della giuria popolare che nella categoria riserve ha registrato il successo ex-aequo del Sangiovese della Cantina Ca’ Perdicchi di Rimini insieme a ‘Roccaviva’ della cantina Moncaro di Montecarotto (Ancona). Nella categoria annate 2013-2014 invece primo posto del Chianti della cantina Ruffino di Pontessieve (Firenze).
 
“Decisamente alto il livello del vini che hanno preso parte a questa seconda edizione del Palio – afferma Antonella Piscaglia, Presidente Associazione Sommelier di San Marino – E’ interessante notare un dato: giuria tecnica e popolare hanno premiato Sangiovese di territori diversi in rappresentanza di tutte le zone presenti, segno dell’alta qualità raggiunta da questo vitigno”.
Positivo anche il giudizio di Mary Forcellini, Presidente dell’Associazione Il Nuovo Mercatale che traccia il bilancio della tre giorni del Palio: “Siamo soddisfatti della risposta del pubblico a testimonianza dell’alto potenziale di Borgo Maggiore. Cibo tipico, vini di qualità, proposte culturali, suggestivo scenario storico sono stati gli ingredienti di questa festa che ha coinvolto centinaia di persone dalla Romagna e non solo. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato per la buona riuscita e soprattutto i tanti volontari che hanno creduto a questa tre giorni di convivialità”.