Una nuova stagione di cucina e di gusto in Casa Artusi

Forlimpopoli - Il ritorno dalle ferie e la fine dell`estate sono l`occasione per programmare le attività. Casa Artusi offre in questo senso una serie di allettanti opportunità per chi ha passione per la cucina e per il cibo, con corsi che sono alla portata di tutti quanti hanno voglia di provarci. Nessuna competenza particolare è richiesta, né è necessario portare accessori nell`attrezzatissima aula della Scuola di Cucina.

Le proposte sono davvero numerose e varie, e spaziano dalle iniziative ormai tradizionali per Casa Artusi a quelle assolutamente nuove.


Primo in ordine di tempo il corso praticoIl pescato nel piatto”, programmato per il 29 settembre, che riflette i principi, modernissimi e artusiani, dell`utilizzo di quanto è disponibile nel proprio territorio in ciascun periodo dell`anno. Perchè anche il pesce ha le sue stagioni, che tengono conto delle fasi riproduttive e, se rispettate, consentono di mantenere in circolazione più specie possibili. Inoltre, l`utilizzo del pescato dell`Adriatico riduce al massimo l`impatto ambientale.

Il corso consente di apprendere diverse modalità di cottura, che valorizzano anche i pesci che consideriamo di scarso pregio, senza troppo incidere sul budget familiare.
Ormai tradizionale, pensato per il pubblico romagnolo, il corso in tre serate in ottobre “La sfoglia di una volta” ha negli anni raggiunto grande popolarità, e non sono pochi quanti possono fregiarsi di aver imparato a tirare la sfoglia grazie alla straordinaria Associazione delle Mariette: un fenomeno popolare che porta le tradizioni gastronomiche della nostra terra in tutto il mondo, ma per nostra fortuna continua a divulgare quest`arte in Casa Artusi. La quota di partecipazione rimane inalterata dal 2008, in modo da permettere al più alto numero di romagnoli di tenere vivo il rito della pasta fatta in casa.

Fra gli appuntamenti sempre del mese di ottobre, da segnalare lunedì 22 la serata dedicata ai formaggi, ancora una volta a cura di Renato Brancaleoni, esperto ed affinatore di fama universale che abbiamo la fortuna di avere nella vicina Roncofreddo. La serata sarà dedicata alla scoperta dei grandi formaggi italiani e stranieri, con degustazioni irripetibili accompagnate da nozioni sulla produzione e l`affinamento, e condite con gli aneddoti di un grande personaggio che ha dedicato una vita ai formaggi.


Il 24 ottobre sarà la volta della cucina vegetariana e vegana a cura di Antonio Scaccio, collaboratore di riviste quali Cucina naturale e Starbene. Il corso dimostrativo tratterà ricette che prendono le basi dalla cultura gastronomica mediterranea e ci proporrà una cucina che utilizza di prodotti biologici e biodinamici, per piatti sani, piacevoli e accattivanti per gli occhi e per il palato.

Due saranno le serate autunnali dedicate al vino. L`11 ottobre, in collaborazione con Enoteca Regionale Emilia-Romagna e AIS Romagna e grazie alla indiscussa competenza del referente didattico dell`associazione Giorgio Amadei, si parlerà del territorio di Piacenza, il più lontano nella nostra regione, con vini  sorprendenti che saranno proposti insieme agli eccellenti salumi di una pianura del clima particolarmente umido, che determina condizioni favorevoli alla viticoltura e all`affinamento del Salame, della Pancetta e della Coppa DOP.


Giovedì 29 e venerdì 30 novembre Sandro Sangiorgi, fra i più autorevoli e indipendenti critici nel mondo del vino in Italia, ci racconterà il Sangiovese, con la proposta di due verticali e la degustazione di quattro piatti preparati in abbinamento.


Da ricordare, infine che in Casa Artusi, da sempre, sia i corsi pratici sia le serate dimostrative terminano con la degustazione in abbinamento con vini del territorio o con la possibilità di portare a casa quanto si è preparato con le proprie mani, per la gioia dei familiari.


Per informazioni e prenotazioni www.casartusi.it. info@casartusi.it 0543.743138.

Forlimpopoli, 3 settembre 2012