Il Lambrusco unisce cinque Continenti

Bologna - Un fil rouge di bollicine rosso Lambrusco unirà America del Nord, Centro e Sud, Europa, Africa, Asia e Oceania dal 22 al 29 maggio. Il  vino italiano più presente nel mondo, di cui si esporta il 60% della produzione, sarà protagonista di Mondo Lambrusco – The new Italian Renaissance, evento che, dalla Russia al Brasile, riempirà per una settimana i calici di 40 ristoranti in 15 nazioni. L’iniziativa, promossa da Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna in collaborazione con il Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi Modenesi e con il Consorzio Marchi Storici dei Vini Reggiani coinvolgerà il mondo intero attraverso i talentuosi cuochi italiani del network itchefs-gvci, Gruppo Virtuale Cuochi Italiani. In ognuno dei locali aderenti, in ogni parte del mondo, dal 22 al 29 maggio sarà realizzata e proposta una ricetta ideata per l’abbinamento al Lambrusco.
Momento centrale sarà il 26 maggio, vero e proprio Special Lambrusco Day, quando tutti i ristoranti aderenti promuoveranno contemporaneamente una degustazione di Lambruschi di qualità in abbinamento al piatto da loro creato, grazie al collegamento con il  Ristorante San Domenico di Imola. Qui, ogni mezz’ora, a partire dalle 17, ci si collegherà con Cina, Emirati Arabi, Russia, Brasile, Usa per chiudere con la Germania, dove si svolgerà in diretta la degustazione guidata presso In Cantina, vero centro delle eccellenze dell’Emilia Romagna, voluto da Enoteca Regionale Emilia Romagna.  Valentino Mercattili, chef del San Domenico di Imola, realizzerà ognuno dei piatti dei colleghi, per offrire agli ospiti la possibilità di effettuare un vero giro del mondo virtuale.


pubblicato il 05.05.2011