L'impronta green del Romagna Wine Festival

Unire passione per l’enogastronomia e attenzione per l’ambiente è possibile. A darne prova è il Romagna Wine Festival, la tre giorni che da venerdì 6 a domenica 8 marzo ha trasformato Cesena nella capitale romagnola del vino con degustazioni, food market, cooking show, incontri, disfide e convegni, tutto all’insegna dell’ecosostenibilità.

Rotonde de Cartier Panther replica watches hublot Motif timekeeper features a semi-matt black alligator skin strap acquiring a dual adjustable rolex explorer replica folding clasp which, because it is expected, boasts more gems (43 brilliant-cut diamonds jaeger lecoultre rendez-vous replica weighing around .43 carats). The panther piece from Cartier dArt collection is launched inside the unique which is consists of 20 individually designated pieces.

Testimonial dell’attenzione al ‘green’ della manifestazione è il Consorzio Nazionale Rilegno, partner dell’iniziativa per il secondo anno consecutivo,  che ha arricchito e caratterizzato i luoghi del Festival con ecoinstallazioni in legno da imballaggi ad alto valore simbolico.
 
Così in pieno centro cittadino, tra la Biblioteca Malatestiana, sede dei convegni, e lo storico Palazzo del Ridotto, teatro delle principali degustazioni di vini romagnoli e toscani, è stata allestita l’Arena del Gusto, una ecoinstallazione circolare realizzata a cura dello studio di Architetti ‘La Primastanza’, utilizzando oltre 500 pallet forniti dalla piattaforma convenzionata Rilegno ‘Casadei Pallets’ di Cesena. All’interno dell’arena, allestita con piante verdi, si sono alternate piccole esposizioni d’arte a tema vino. A concentrare l’attenzione dei visitatori sul fattore green, le pareti interne dell’installazione sono state tappezzate da  piccoli cartelli che suggerivano pillole di ecosostenibilità dedicate ai mille usi e riusi del materiale legno.
 
Degustazioni e cooking show al Foro Annonario, storica sede del mercato alimentare cittadino, hanno avuto invece come scenario il Teatrino dell’ecosostenibilità, un piccolo anfiteatro allestito nella piazza centrale del Foro e realizzato sempre utilizzando centinaia di pallet in legno. Al teatrino dei pallet ha avuto luogo il premio ‘Chef per un giorno’, sfida fra cuochi dilettanti ripresa come in un reality dalle telecamere del programma Cook Accademy.
Per i vincitori del Derby del Sangiovese, scontro fra vini top romagnoli e toscani, tre Ecopremitargati Rilegno, realizzati con materiale da riciclo e stecche di barrique, a sottolineare l’importante ruolo del legno e del sughero nel processo di produzione del vino.
 
Ogni evento del Festival romagnolo è stato poi caratterizzato da un alto grado di ecosostenibilità attraverso l’utilizzo dei materiali di consumo (piatti, stoviglie, posate, bicchieri...) riusabili, riciclabili o compostabili. Una forte attenzione è stata anche riservata alla raccolta dei tappi di sughero provenienti dalle centinaia di bottiglie aperte durante la due giorni di degustazioni. Sostenibile anche la mobilità, con la nuovissima Ford Mondeo Hybrid a fare da auto di cortesia del Festival, lungo le strette strade del centro storico di Cesena.
 
 
Info Romagna Wine Festivalwww.romagnawinefestival.it
Facebook: Romagna Wine Festival; Emilia Romagna da Bere e da Mangiare; Rilegno Consorzio