Trofeo Galvanina Imprenditore a Spadoni

Rimini – Il prestigioso Trofeo Galvanina nella sezione ‘imprenditoria’ in questa edizione va a Leonardo Spadoni del Molino Spadoni e delle Officine Gastronomiche Spadoni. La consegna del riconoscimento avverrà domenica 8 settembre a Rimini alle ore 12,30 nel Parco Terme Galvanina nell’ambito della tredicesima edizione del Festival della Cucina Italiana (6-8 settembre). Nome di punta nel mercato italiano delle farine speciali e preparati, Spadoni è stato tra i primi imprenditori del settore a intuire la necessità di offrire farine specifiche per utilizzi diversi anche nell’uso domestico. Nelle edizioni passate il Trofeo Galvanina è stato assegnato all’imprenditore americano della pasta Joseph Vitale (2011) e a Carla Latini (2012).

Leonardo Spadoni costituisce la terza generazione nella guida dell’impresa molitoria, ereditata dal padre Libero, prima ancora fondata da Livio. Leonardo sin da giovanissimo frequenta il molino di famiglia, nutrendo nel contempo interessi molto variegati come la storia, l’arte e la cultura, passioni che manterrà anche in età adulta e che caratterizzeranno la sua attività di imprenditore

Dopo la laurea in Giurisprudenza a Bologna, nel 1975, mantenendo una promessa fatta al padre, entra in azienda: si integra all’ambiente, fa parte dei giovani di Confindustria e in breve tempo Libero gli lascia completamente in mano tutti gli aspetti dell’impresa. 

In questi anni arrivano le grandi intuizioni che cambiano il volto all’impresa: l’aspirazione è quella di rendere la sua farina un prodotto definito e riconoscibile, scelta dal consumatore in modo consapevole per la sua qualità certificata. Il successo premia le sue idee ma a Leonardo non basta e passa alla “fase due” della strategia, ovvero produrre farine specifiche per i diversi usi di cucina e offrire alle famiglie ciò che prima era destinato esclusivamente ai professionisti. Sfrutta appieno tutte le possibilità date dal progresso tecnologico e al contempo diviene un abile stratega nel campo della comunicazione. 

In tempi recenti matura una delle idee più ambiziose: trasformare Molino Spadoni in un vero e proprio gruppo alimentare, una realtà ampia e multiforme con un saldo legame con le sue origini: Leonardo, infatti,  non perde occasione per ribadire l’amore verso la terra che gli ha dato i natali, come dimostrano le tante iniziative intraprese in questi anni e che uniscono la passione per l’arte con la valorizzazione del territorio. “Mosaico di Notte”, il  “Settembre Dantesco”, il Premio Giornalistico “Guidarello”, sono solo alcune delle manifestazioni culturali di cui Leonardo si è fatto promotore, e che gli sono valse nel 2008 il premio di “Romagnolo dell’Anno”, attribuitogli dai suoi concittadini per “gli eccellenti risultati conseguiti in Italia e all’estero e per il felice abbinamento tra le esigenze del moderno mercato dei consumi e il rispetto delle tradizioni e delle specialità del passato”.