Viaggio a La Montagnola sul Corriere di Romagna

Storia e innovazione si fondono nell`azienda agricola La Montagnola di Cesena, protagonista della terza tappa del viaggio del Corriere di Romagna alla scoperta delle tredici sorelle che compongono il Consorzio Vino e Olio delle colline cesenati. In edicola oggi, venerdì 19 aprile, un articolo sull`azienda vitivinicola posta sulle dolci colline di Carpineta, custodi di un pezzo di storia narrata dallo scorrere del fiume Urgon, quel "Rubicone" che Giulio Cesare attraversò il 10 gennaio del 49 a.C. pronunciando la fatidica frase "Il dado è tratto" e dando inizio così alla sanguinos a guerra civile contro Pompeo.

Come sempre, l`articolo riporta il codice QR grazie al quale è possibile vedere un breve video di presentazione della cantina sul proprio Iphone o Smartphone avvicinando semplicemente il telefonino alla pagina del giornale.

GUARDA IL VIDEO QUI


Venticinque ettari di terreno posti a 140 metri di altitudine e un terzo dei quali ricoperti da vigneti coltivati con sangiovese, albana, trebbiano e cabernet sauvignon da Alfredo Galassi, viticoltore di terza generazioni alla guida dell`azienda agricola di famiglia. "Produzioni limitate, selezione costante e raccolta manuale delle uve in cassette - si legge nell`articolo - sono i punti fermi della conduzione dei vigneti, impiantati su terreni calcareo-tufacei e baciati dal sole, grazie all`esposizione a mezzogiorno che garantisce uve profumate e cariche di zuccheri. Ottime premesse per dare vita a vini morbidi ma di carattere, prodotti attraverso macerazioni lunghe e lavorazioni di cantina che esaltano la tipicità di un territorio vocato da sempre alla viticoltura".

"Dopo aver visitato la vigna e la cantina, ci fermiamo nella saletta di degustazione per un assaggio. Partiamo dalla tradizionale albana e da Le 3 Genghe, vino bianco a base di trebbiano, con piccole aggiunte di albana e chardonnay, che potrebbe accompagnare bene un piatto di strozzapreti con gamberi e zucchine. Tra i rossi apprezziamo il ContOmero, sangiovese robusto e pieno nel gusto, così come il Rubeo, sangiovese superiore con una piccola quantità di uve merlot, affinato per un anno in barrique e bottiglia. Da vigneti con oltre quaran`anni di età provengono invece le uve con cui La Montagnola produce Terenzio, sangiovese riserva vinificato solo nelle annate migliori e ideale da abbinare a piatti importanti come cacciagione e fois gras. Altro vino rosso importante che degustiamo prima di ripartire è Giorno di Festa, un cabernet sauvignon impreziosito con un piccolo taglio di merlot che alle caratteristiche note erbacee di questi due vitigni internazionali aggiunge la personalità e la forza del terroir di Carpineta, regalandoci grande piacevolezza".