Il Galvanina del Cuore a Francesca Matacena

Pesaro – Si chiama “Rossinimania”. È uno spazio di solidarietà a 360 gradi ideato da Francesca Matacena, dove la musica si mette al servizio di chi è in difficoltà: giovani musicisti in zone di guerra, persone di talento svantaggiate, ottime professionalità in cucine messe ko dal terremoto. Come nel caso di Enrico Mazzaroni, chef in odore di stella Michelin al Tiglio di Montemonaco (Ascoli Piceno), che si è trovato il locale distrutto dal tremendo sisma. Una storia al limite, quest’anno sostenuta dall’iniziativa “Rossinimania”.
Proprio per questa sensibilità verso le situazioni “estreme”, a Francesca Matacena sarà assegnato il Premio Nazionale Galvanina del Cuore, riconoscimento nell’ambito del Festival della Cucina Italiana (22-24 settembre 2017). Particolare coincidenza, il simbolo di “Rossinimania” è un cuore, quasi un invito al Premio Galvanina…
 
A Francesca Matacena viene assegnato il Premio Nazionale Galvanina del Cuore per l’impegno nel sociale, per l’abnegazione con la quale da anni si impegna allo scopo di offrire, nel nome di Gioachino Rossini, opportunità a giovani musicisti o a persone di talento svantaggiate per ragioni diverse. La cerimonia di consegna domenica 24 settembre in piazza del Popolo a Pesaro.
 
Il Premio Nazionale Galvanina è uno dei riconoscimenti più illustri nel panorama enogastronomico nazionale, suddiviso in cinque sezioni (Cultura, Cucina, Giornalismo, imprenditoria, Cuore), negli anni passati assegnato a personalità dello spessore, solo per citare alcuni nomi, di Tonino Guerra, Gualtiero Marchesi, Vittorio Sgarbi, Pierluigi Celli, Andrea Scanzi, Carlo Cracco e tanti altri.
Nella sezione del Cuore sono stati premiati il dottor Marco Squicciarini (2015), medico e formatore di Istruttori per la Rianimazione Cardiopolmonare Pediatrica e Manovre di Disostruzione da corpo estraneo con l’organizzazione di formazione Nazionale Salvamento Academy (linee guida American Hearth), e Mirko Damasco (2016) per il progetto sulla sicurezza a tavola.
 
Chi è Francesca Matacena
Pianista pesarese, è ideatrice del CIMP (Concorso Internazionale Musicale Città di Pesaro) rivolto ai giovani talenti nel campo della musica e delle arti. Da 15 anni impegnata a creare manifestazioni a sostegno della loro crescita e del loro sviluppo creativo, ha fondato il “palcoscenico grande come il mondo” che permette ai giovani musicisti di farsi apprezzare e conoscere e attraverso un concorso a premi, aggiudicarsi il prestigioso Rossini International Award. In questi anni, numerosissime importanti realtà musicali internazionali hanno aderito al CIMP e Francesca Matacena oggi viene considerata dai numerosi partner artistici una vera ambasciatrice della musica nel mondo.
E' invitata regolarmente a presiedere selezioni musicali per individuare giovani artisti da premiare: il suo ideale è proteso ad offrire l'opportunità di una residenza artistica nella città natale di Gioachino Rossini, città che considera ricca di stimoli artistici per il loro futuro di concertisti. Svolge un'intensa attività concertistica ed ha preso parte ad eventi musicali in tutto il mondo, dall' Europa alla Cina, dal Kazakistan alla Russia, fino a coinvolgere paesi come l'Argentina, il Caucaso e la Malesia. E' titolare della Cattedra di pratica pianistica al Conservatorio di musica Rossini di Pesaro. Ha al suo attivo incisioni discografiche e radiotelevisive, titoli e pubblicazioni. All'attività artistica affianca l'impegno sociale: su esplicita richiesta è stata invitata negli anni a ricoprire incarichi prestigiosi all'interno della Croce Rossa e del Centro Servizio per il Volontariato delle Marche, negli Istituti Scolastici e all'interno di associazioni onlus.
Dalla ricca esperienza maturata è nato “Rossinimania”, uno spazio di solidarietà dove la grande musica si mette al servizio dei più deboli. Il nome “Rossinimania” deriva da quanto faceva il grande Gioacchino Rossini che invitava i giovani a casa sua a esibirsi, offrendo loro una vetrina di prestigio.