Girolio a Brisighella

Brisighella - Collegare l’Italia con un filo d`olio. Domenica 27 novembre 2011 arriva a Brisighella Girolio l’iniziativa promossa dall’Associazione nazionale città dell’olio, in occasione dei 150 anni dell’Unità d`Italia e che, partita dalla Sicilia, si concluderà a dicembre ad Arco in Trentino.
Per l’occasione in piazza Marconi sotto la famosa via degli Asini verrà allestito un piccolo frantoio per assistere dal vivo alla molitura e degustare l’olio nuovo e verrà premiato il miglior uliveto dell’Emilia-Romagna.
La tappa emiliano-romagnola, che segue quella della Sardegna e cade nel giorno della 52esima Sagra dell’Olio brisighellese, è stata presentata oggi a Bologna dall’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni. “L’Emilia-Romagna non è tra le grandi regioni dell’olio per quantità, ma lo è sicuramente per la qualità – ha ricordato Rabboni -  oggi possiamo contare su due Dop dell’olio, quella dei Colli Romagnoli e la Dop Brisighella, quest’ultima la prima assegnata  a un olio extravergine già nel 1996.”
L’olivicoltura è oggi un’attività in espansione  nelle colline dell’Emilia-Romagna, ove può costituire un’interessante attività economica oltre che un importante presidio del territorio. In particolare sui colli bolognesi e imolesi sono state piantumate migliaia di piante di olivo ed è stato costituito il Consorzio olivicoltori bolognesi. Proprio per selezionare le varietà più adatte alla coltivazioni in questi territori, e dunque in grado di resistere ai forti sbalzi termici,   è in corso un progetto di ricerca sostenuto dalla stessa Regione Emilia-Romagna.  L’appuntamento brisighellese  ha come testimonial la Comunità di San Patrignano e  rappresenta la decima tappa di Girolio che complessivamente toccherà 17 Regioni e che ha ottenuto il riconoscimento della Medaglia d’Argento della Presidenza della Repubblica.

pubblicato il 23.11.2011
da emiliaromagnavini@gmail.com