Riconoscimento Igp alla Coppa di Parma

Bologna - "Con l’avvio del riconoscimento della denominazione IGP alla Coppa di Parma, l’Emilia-Romagna si conferma una delle regioni europee più ricche di prodotti tipici. Prodotti che nascono da materie prime di assoluta eccellenza e da tecniche di produzione che hanno saputo mantenersi inalterate negli anni. E’ un risultato che premia un territorio e i suoi produttori e ci riempie di soddisfazione”. Così l’assessore regionale all’agricoltura dell’Emilia-Romagna Tiberio Rabboni commenta la pubblicazione della Gazzetta Ufficiale europea della domanda di riconoscimento della denominazione di Indicazione geografica protetta. Trascorsi sei mesi, durante i quali gli Stati membri della Ue possono presentare le loro osservazioni, la Coppa di Parma verrà iscritta definitivamente nel registro europeo delle DOP e delle IGP:
“L’attribuzione della IGP consentirà di valorizzare ulteriormente non solo il prodotto ma anche tutto l’area di produzione – ha detto l’assessore Rabboni - Un territorio compreso, per quanto riguarda l’Emilia-Romagna, tra le province di Parma, Reggio e Modena, tra i più vocati per la produzione di salumi, famosi in tutto il mondo e per il quale è in corso un` altra procedura di riconoscimento  IGP importante: quella per il Salame Felino, la cui domanda è stata pubblicata sulla Gazzetta europea lo scorso 20 gennaio.” Con questi  due prodotti il “paniere” dell’Emilia-Romagna arriverà a ben 35 DOP e IGP.



pubblicato il 08.02.2011