Aumentano del 3,5% i consumi mondiali del vino

Arrivano buone notizie per i produttori di vino e per tutti quei Paesi che, grazie dalle esportazioni, registrano una crescita economica del settore vino. Secondo uno studio di International Wine & Spirits Research per Vinexpo infatti, il consumo globale di vino, già cresciuto del 2,3% tra il 2009 e il 2013, aumenterà ancora più velocemente entro il 2018 raggiungendo un +3,5% per un volume di 2,5 miliardi di casse da nove litri.
 
Fra i risultati della ricerca, non manca qualche curiosità. Per esempio, si prevede che nel 2018 si berrà più vino in Germania che in Italia: esattamente 3,3 miliardi di bottiglie per i tedeschi, contro 3,28 miliardi per gli italiani. A causare tutto questo sarebbe la diminuzione dei consumi nel Belpaese (-5%) e della contemporanea crescita in Germania (+1%).
Nello stesso periodo, inoltre, la crescita sarà forte anche negli Stati Uniti, con 4,5 miliardi di bottiglie consumate, ovvero un 11% in più.
Insomma, sembra proprio che, se i produttori del Belpaese da un lato dovranno fare i conti con un preoccupante calo dei consumi nel mercato domestico (che ad oggi rimane il più grande), dall’altro lato potranno invece fare affidamento sulla crescita dei due blocchi stranieri più importanti, la Germania in volume, gli Usa in valore.
Un altro solido punto di riferimento per l’export enoico del Belpaese sembra essere la Gran Bretagna dove, dopo che tra il 2009 e il 2013 i consumi medi di vino hanno perso il 10,45% (scendendo da 25 a 23,9 litri pro capite l’anno) ci si aspetta ora un rimbalzo positivo, un +3,3% da qui al 2018, con i consumi che tornerebbero così a quota 24,6 litri pro capite l’anno.
 
A guidare la crescita del settore vino saranno gli sparkling wines, con il Prosecco in cima alle preferenze dei wine lover d’Oltremanica. E così, mentre il consumo dei vini fermi crescerà dell’1,1%, le previsioni per gli spumanti parlano di un +12,2%, una crescita superiore all’ottima performance messa a segno tra il 2009 e il 2013 (+10%).
 
Secondo lo studio Iwsr-Vinexpo, in ogni caso, il consumo di vino pro capite più alto sarà ancora una questione tra Italia e Francia, intorno ai 45 litri di vino a testa consumati ogni anno.